Stadio

“Quando Dio è nel pallone”. Questo il titolo della trasmissione di “Uomini e profeti”, programma su Radio 3 Rai curato e condotto da Brunetto Salvarani, dedicato alla grande “liturgia” del calcio. Uno sport che presenta connotati di tipo religioso: gli stadi come i templi, tifoserie come schiere di devoti, che intrecciano il proprio destino con quello della squadra del cuore. Tra gli ospiti del programma (andato in onda sabato 25 giugno), Marco Dal Corso, docente di Dialogo interreligioso presso l’Istituto di Studi Ecumenici San Bernardino, che ha sottolineato come “la dimensione del gioco appartenga a una sapienza biblica”. Citando il teologo brasiliano Rubem Alves, che ha reinterpretato in questo senso il tema della creazione: il sabato “Dio ha creato il mercato della fruizione”, ossia “il Dio lavoratore si è trasformato nel Dio giocherellone”. Ecco che il gioco – pardon, lo sport – diventa una dimensione naturale per l’uomo. Non solo: “producendo miti-racconti – ha proseguito Davide Zoletto, professore di Pedagogia interculturale all’Università di Udine –, offre alle persone che vi partecipano un canovaccio nel quale identificarsi”. Un esempio su tutti: la nazionale francese campione del mondo nel 1998 e all’idea di integrazione che ha offerto, grazie a un trionfo firmato da Zidane (di famiglia algerina), Lizarazu (basco), Desailly (nato in Ghana), Henry (madre della Martinica, padre guadalupense) e Thuram (nato in Guadalupa). Lo sport può fare molto e, ha concluso Zoletto, “ha la forza di presidiare i territori che corrono il rischio di essere dimenticati”. Il calcio come una liturgia, quindi, nelle grandi manifestazioni; ma anche uno strumento di pace – purché usato bene – nelle periferie delle nostre città.

Qui la puntata di “Uomini e profeti” dedicata al calcio

© 2015 Crossmagazine.it | Crossmagazine.it è una testata giornalistica registrata al Pubblico Registro della Stampa al Tribunale di Bologna (n. 8398/2015) del 22/10/2015. Direttore Responsabile Lorenzo Galliani

Privacy e Cookie Policy | sito realizzato da: beltenis.it