Di solito avviene il contrario, nei campi di provincia: un giocatore entra in campo senza aver sostituito nessuno, sentendosi il più grande furbacchione di tutti i tempi, per un po’ si gioca in 12 e vediamo se l’arbitro se ne accorge. Certo che se ne accorge, ma all’inizio la tensione sulla partita è così alta – tutti presi a rincorrere e a falciare gambe altrui – che nessuno si prende la briga di fare la conta. E per qualche minuto c’è chi può permettersi il lusso di giocare col 4-3-4 o col 4-5-2, il modulo di chi bara. Il Cogoleto, squadra ligure, fa l’opposto. “Noi giochiamo in 10”, annunciano. Non è una dimostrazione di forza. Di amicizia, piuttosto. Perché Paolo manca, ed è insostituibile. È scomparso pochi giorni prima, a 22 anni, di aneurisma. Chi ha voglia di giocare a pallone, quando in testa hai solo l’immagine dell’amico scomparso, dei funerali, degli scherzi che in allenamento ti faceva e non potrà più farti? Eppure lo spettacolo va avanti, nel professionismo come sui campi di Promozione, a cinque categorie di distanza dalla Serie A. C’è l’ultima di campionato, contro il Ceriale. Il risultato non conta, e al Cogoleto – neanche a dirlo – hanno avuto altro da fare piuttosto che rispettare allenamenti e tabelle. Hanno distribuito magliette con il numero 10 – quello di Paolo, appunto – a decine di piccoli tifosi. Hanno perso tempo – ma non è tempo perso – ad abbracciare i genitori, ad abbracciarsi tra di loro. La classifica dice che sono ultimi e già retrocessi. Il cuore dice che nessuno può prendere il posto di Paolo: se la sua presenza si faceva sentire, allora – vada come vada – anche la sua assenza non deve passare inosservata. Giocano tutta la partita con un uomo in meno, un lusso che di solito può permettersi chi, al fischio d’inizio, trincia le gambe di un avversario, non chi arriva al campo con il groppo in gola. Finisce 2-1 per loro. Inutile dire a chi sia dedicata la vittoria.

CategoryCalciastorie
Tags
© 2015 Crossmagazine.it | Crossmagazine.it è una testata giornalistica registrata al Pubblico Registro della Stampa al Tribunale di Bologna (n. 8398/2015) del 22/10/2015. Direttore Responsabile Lorenzo Galliani

Privacy e Cookie Policy | sito realizzato da: beltenis.it