Il Piccolo Principe esiste. Come la sua rosa coltivata con amore e la volpe che parla di amicizia. I loro dialoghi toccano i nostri affetti. Il fatto che siano solo immaginati non ha molta importanza. Lo stesso vale per una partita di calcio giocata a Natale del 1914: quella tra soldati tedeschi e soldati scozzesi. Un match leggendario, perché bellissimo e perché, nonostante le testimonianze dell’epoca siano molte, sembra appartenere più al mito che alla realtà. Ma ormai, a un secolo di distanza, non si può fare molto, neppure per capire se l’eventuale terzo gol dei germanici (sempre ammesso che la partita si sia davvero giocata) sia stato segnato in fuorigioco, come venne riferito: i cronisti sportivi non erano presenti, e non c’era la prova tv. Non c’era neppure la pace. Da tempo la guerra-lampo si combatteva nelle trincee; per mesi la linea del fronte poteva restare la stessa: l’unica cosa ad avanzare era il conto dei morti. Che nelle Fiandre, almeno nei giorni di fine dicembre, ci sia stata un’esplosione di concordia, è sicuro. Che militari tedeschi e scozzesi si siano incontrati, scambiandosi bottoni e sigari, pressoché certo. E lo stesso per i canti natalizi che si levarono dall’una e dall’altra parte. Si parlò anche di una partita di calcio. Secondo alcune versioni della storia, finì quando si bucò il pallone, portato dagli scozzesi. Secondo altre, si giocò con un barattolo. Secondo tutti, si giocò nella “terra di nessuno”: lo spazio tra le due trincee nemiche, il più pericoloso, ancora coperto da soldati caduti nel tentativo di raggiungere il nemico, era divenuto un luogo di incontro. Molti pareri autorevoli dicono sia andata così, altri parlano di un 4-1 per gli scozzesi, ma in un’altra zona. Il giornalista tedesco Michael Jürgs (autorevole pure lui) nel libro “La piccola pace nella Grande guerra”, la ritiene invece una leggenda. Poco importa: il solo fatto che qualcuno, in tempo di trincee, abbia immaginato a un’amicizia tra i popoli stretta grazie al calcio, rende quella speranza più vera della verità.

CategoryCalciastorie
© 2015 Crossmagazine.it | Crossmagazine.it è una testata giornalistica registrata al Pubblico Registro della Stampa al Tribunale di Bologna (n. 8398/2015) del 22/10/2015. Direttore Responsabile Lorenzo Galliani

Privacy e Cookie Policy | sito realizzato da: beltenis.it